il libro di papa Francesco

forti-nella-tribolazione

Un piccolo aiuto per saper scorgere la vicinanza e la tenerezza di Dio in questo periodo fatto di dolore, sofferenza, solitudine e paura. Si presenta così ‘Forti nella tribolazione’(scaricalo qui), il libro pensato dal Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, disponibile gratuitamente sul sito internet della Libreria Editrice Vaticana.

La speranza

Nell’introduzione viene spiegato il senso di questa iniziativa, che si inserisce in ciò che tutti i media vaticani cercano di offrire come servizio per stare vicino a chi vive in isolamento e per fare rete: “Come dice il titolo stesso il libro è un tentativo di aiutare tutti in questo momento di angoscia e di tribolazione ad essere comunque forti, che vuol dire avere una speranza”.

Le preghiere della tradizione

La prima sezione è composta da preghiere, riti e suppliche per i momenti difficili tratti dalla tradizione cristiana. Ad esempio, sono riportate le invocazioni per i malati, per la liberazione dal male, per affidarsi fiduciosi all’azione dello Spirito Santo. Queste preghiere provengono da diverse Chiese nel mondo, ma anche da varie epoche storiche.

La comunione spirituale

La seconda parte, invece, si basa sulle indicazioni delle autorità ecclesiastiche per continuare a vivere i sacramenti in un tempo in cui le celebrazioni ‘senza concorso di popolo’ sono diventate una triste costante. Le meditazioni vertono sul tema della comunione spirituale spiegando come si ottiene il perdono dei peccati, nonostante l’impossibilità di confessarsi.

Le parole del Papa

Al centro della terza sezione, infine, si trovano le parole di Francesco sulla pandemia. Una raccolta che parte dal 9 marzo scorso e che rappresenta un accompagnamento per ripercorrere i pronunciamenti del Pontefice. Ci sono essenzialmente le omelie della Messe mattutine a Casa Santa Marta così come gli Angelus e i vari interventi straordinari che Francesco ha fatto e che farà su questo tema.

Uno strumento dinamico

La caratteristica del libro è il suo aggiornamento continuo alla luce dei nuovi interventi del Papa e della ‘riscoperta’ di altri tesori della tradizione ecclesiale. La revisione avverrà più volte a settimana, arricchendo di volta in volta il volume con nuovi testi. Sarà sempre possibile, anche a chi lo ha già fatto, scaricare una nuova versione aggiornata. Dunque, un contributo editoriale dinamico che sfrutta le possibilità dell’ambiente digitale per rilanciare lo sguardo cristiano sulla realtà.

La creatività della Chiesa

Un dinamismo che è proprio anche di tanti sacerdoti, religiosi e laici i quali stanno mostrando molta inventiva nell’utilizzo dei mezzi di comunicazione. Con la chiusura dei luoghi sacri per il rischio contagio, gli schermi che popolano le nostre vite sono diventati i terminali di diverse iniziative di preghiera.

La vicinanza

Il Papa, sin da subito, ha scelto di diffondere in diretta la messa a Santa Marta per portare una parola di speranza alla gente. Con questo appuntamento ha voluto rendersi vicino, entrando nelle case, negli smartphone e nei computer di tutti. Colpisce che un numero crescente di persone lo attenda ogni mattina alle 7. “La fede – scrive Andrea Tornielli nell’introduzione – non annulla il dolore, non annulla la sofferenza e non toglie automaticamente l’angoscia. Però aiuta ad avere una speranza”.