SPECIALE: Ottobre MISSIONARIO

“Eccomi manda me” (Is 6,8) – TESSITORI DI FRATERNITÀ

Ecco le iniziative per l’intero mese di Ottobre:

  • per tutti i sabati di Ottobre, prima della Santa Messa vigiliare, verrà recitato il Santo Rosario missionario meditato: Parrocchia San Martino ore 17.30, Chiesa San Giuseppe ore 16.30
  • Sabato 24 Ottobre, in Duomo a Milano, ore 20.45: veglia missionaria con l’Arcivescovo
  • Lunedì 26 ottobre, chiesa S.Giuseppe, ore 21.00: Adorazione Eucaristica Missionaria meditata

Inoltre, Sabato 24 e Domenica 25 Ottobre, in Oratorio Maschile:

  • mostra mercato con gli elaborati del laboratorio missionario
  • sul sagrato delle chiese: fiori, riso
  • vendita del libro di padre Alberto Caccaro

VOLANTINO definitivo GMM 2020 per Insieme

L’immagine scelta per questa Giornata Missionaria è un murales di San Salvador. Rappresenta Mons. Oscar Arnulfo Romero con padre Rutilio Grande, martire gesuita, che sarà beatificato a breve. L’uccisione di padre Rutilio Grande ha impressionato e convertito Mons. Romero, trasformandolo in un coraggioso pastore e difensore dei più deboli e poveri. Sono rappresentati, in basso, i segni della fraternità: pane, calice, Bibbia e croce, simboli della fraternità nella fede, insieme ai frutti della terra che rappresentano la fraternità e solidarietà fra le genti.

L’ottobre missionario e la giornata missionaria di quest’anno si pongono sulla scia del Mese Missionario Straordinario che abbiamo celebrato nel 2019. Il tema “Battezzati e Inviati”, che mirava a far riscoprire l’universalità della vocazione missionaria, avrà il suo sviluppo nel tema di quest’anno: ogni battezzato è chiamato a far conoscere la bontà, la misericordia e l’amore di Dio per tutti gli uomini, prima di tutto attraverso un atteggiamento di accoglienza e uno stile di vita basato sulla “fraternità”. Nel celebrare questa giornata missionaria non possiamo non tener conto anche, in modo significativo, del contesto storico che stiamo vivendo, con le fatiche e le sofferenze provocate dalla pandemia e con le conseguenze relazionali e sociali del lungo periodo di isolamento a cui siamo stati sottoposti.

Il messaggio che Papa Francesco ci rivolge per la Giornata Missionaria Mondiale si caratterizza per una forte spinta vocazionale, ispirandosi alla vocazione del profeta Isaia: “Chi manderò?”, chiede Dio. “Eccomi, manda me” è la risposta di Isaia e vuole essere la risposta di tutti coloro che hanno preso coscienza del loro essere “battezzati e inviati”. In particolare, la vocazione missionaria si caratterizza nel portare a tutti gli uomini l’esperienza dell’amore di Dio per tutta l’umanità: «Dio rivela che il suo amore è per ognuno e per tutti (cfr Gv 19,26-27)».     Nel nostro contesto della Chiesa italiana desideriamo tradurre questa vocazione missionaria in un appello a tutti i credenti per diventare “Tessitori di fraternità”.     Abbiamo vissuto un tempo di isolamento; abbiamo sperimentato la “nostalgia” delle nostre relazioni di familiarità e di amicizia.    Vogliamo imparare a vivere nuove relazioni, non solo con le persone a noi care, ma con tutti coloro che incontriamo sul nostro cammino, in particolare con coloro che maggiormente pagano le conseguenze negative della tempesta che ci ha investito in questo tempo. «… siamo invitati a riscoprire che abbiamo bisogno delle relazioni sociali, e anche della relazione comunitaria con Dio. Lungi dall’aumentare la diffidenza e l’indifferenza, questa condizione dovrebbe renderci più attenti al nostro modo di relazionarci con gli altri» (Messaggio del Santo Padre Francesco per la giornata missionaria mondiale 2020).     In questo percorso di riscoperta della “fraternità” non ci mancherà certamente l’ispirazione che ci viene dall’esperienza e dalla testimonianza di tanti missionari che vivono la fraternità cristiana in mezzo a popoli e culture estremamente lontane e differenti, ma capaci di incontro e di comunione.     Nella conclusione del suo messaggio, Papa Francesco ci ricorda anche che la Giornata Missionaria Mondiale è una giornata di comunione nella preghiera e di solidarietà con le giovani Chiese, che non hanno ancora raggiunto una propria autonomia, e con le Chiese dei Paesi più poveri del mondo. In questa situazione di crisi economica mondiale non possiamo ripiegarci su noi stessi e non dobbiamo dimenticare coloro che possono camminare soltanto con la nostra partecipazione e con il nostro aiuto.

Da Fondazione Missio – il Gruppo Missionario

 

Il ricavato della vendita del libro “Al di là del Mekong. Lettere dalla Cambogia” di padre Alberto Caccaro (€10,00) sarà devoluto alla costruzione di una scuola in Cambogia.