CARITAS

logo caritas

Via Leone XIII 9, Bollate – Tel. 02 333.00.770 – 02 33300950,

 caritas bollatewww.caritas.it, www.caritasambrosiana.it , 

“la carità è molto piu’ impegnativa di una beneficienza occasionale : la prima coinvolge e crea un legame, la seconda si accontenta di un gesto”

brochure_2017   brochure_2017-

brochure_2017-retro

 brochure_2017-retro

__________   NEWS   NEWS   NEWS   NEWS   NEWS   __________

AVVENTO DI CARITA’ 2017 – RACCOLTA VIVERI

Continua l’iniziativa Caritas per l’Avvento: “Con le tue opere mostrami la tua fede” (Gc. 2).

Condividiamo il cibo” è l’invito rivolto ai parrocchiani di S. Martino, S. Monica e di tutte le chiese sussidiarie ad offrire una borsa di viveri, o a mettere il corrispettivo in denaro nella busta “la spesa che non pesa”, da destinare alle persone in difficoltà seguite dal Centro di Ascolto. Ecco il calendario della raccolta che si effettua ai piedi degli altari:

  • Domenica 19 Novembre: olio – pasta
  • Domenica 26 Novembre: alimenti per bambini:
    (latte per neonati, omogeneizzati solo di frutta e pesce, biscotti, pannolini medi e grandi)
  • Domenica 3 Dicembre: caffè – zucchero
  • Domenica 10 Dicembre: latte – tonno
  • Domenica 17 Dicembre: biscotti – zucchero

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

CARITAS: FONDO FAMIGLIA LAVORO 3

Con l’inizio di giugno, è partito nella nostra parrocchia il Fondo Famiglia Lavoro 3. Questa terza fase, voluta dal Cardinal Scola, prevede l’offerta di tirocini in azienda della durata da tre a sei mesi, con indennità di partecipazione di circa 400,00 euro mensili. È rivolto alle persone residenti sul territorio della Diocesi Ambrosiana, con almeno un figlio minore a carico convivente, che siano disoccupate dal luglio 2015. Ci sono differenze rispetto alla Fase 1 e 2 del Fondo: in nessun caso è prevista l’erogazione di somme in denaro, né la frequenza a corsi di formazione. Per chiarimenti o richieste di accesso al Fondo, rivolgersi al Centro di ascolto Caritas, in via Leone XIII a Bollate, il giovedì dalle 10.00 alle 11.00.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ

I Centri d’Ascolto del decanato di Bollate ringraziano il Collegio San Carlo che, su sollecitazione di don Luca, durante la Quaresima ha raccolto derrate alimentari e altri generi di prodotti, con grande generosità e in abbondanza. Tutto è stato inviato a Garbagnate, dove la Caritas, da novembre, ha aperto l’Emporio della Solidarietà. Si tratta di un progetto che, al momento, aiuta 33 famiglie in disagio economico, residenti in tutte le parrocchie del decanato. Su indicazione dei Centri d’ascolto parrocchiali, i responsabili dell’Emporio, scelti tra gli operatori della Coop. Intrecci del Consorzio Caritas “Farsi prossimo”, secondo un regolamento stabilito, ammettono i nuclei familiari all’Emporio; qui, per un periodo minimo di sei mesi, essi possono “fare spesa” gratuitamente.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

domenica 19 febbraio (Giornata Diocesana della Solidarietà) la Caritas Cittadina di Bollate ha rilanciato il Fondo Famiglia Parrocchiale che ha consentito in questi quattro anni di aiutare numerose famiglie in difficoltà.

Caritas propone, nel rilanciare il Fondo Parrocchiale, che raccoglie fondi per aiutare famiglie e persone in condizioni di grave disagio economico, un percorso di pratica delle Opere di Misericordia Spirituale, dopo aver sperimentato lo scorso anno quello dedicato alle Opere di Misericordia Corporale. Papa Francesco ebbe a dire nell’incontro con le Caritas Internazionali che esse sono nella Chiesa “ la carezza di Dio al suo popolo”, anche in questo affidandosi totalmente alla misericordia.

OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALE: CONSIGLIARE I DUBBIOSI
L’OPERA SPIRITUALE CHE AIUTA A ILLUMINARE LA MENTE, IL CUORE E LA VITA
Le Opere di Misericordia Spirituale, come quelle corporali, hanno il loro fondamento nella Sacra Scrittura e sono sparse qua e là nei testi e il loro riferimento è indice di un permanente atteggiamento, di uno stile, di un “habitus” richiesto al credente per vivere fin dall’intimo la sua relazione con Dio e con i fratelli. L’Opera Spirituale del “Consigliare i dubbiosi”, anche se la Caritas cittadina la propone come quarta nel nostro itinerario di educazione allo stile della carità cristiana, è tuttavia la prima nell’ordine che ci ha consegnato la tradizione della Chiesa. Perché questo primato e che cosa comporta?
Chi vive nel dubbio – di qualsiasi tipo si tratti – vive in uno stato di incertezza; è la condizione di chi è confuso, di chi non sa scegliere, di chi esita e rimane sospeso perché manca di una visione chiara e sicura e la sua vita rimane esposta ad ogni sorta di rischio. La vita del dubbioso, purtroppo, oscilla pericolosamente dalla paura all’angoscia, creando situazioni di vera sofferenza, giungendo persino alla mancanza di fede.  Aiutare noi stessi e i fratelli ad incamminarsi con la riflessione e il consiglio verso la certezza della verità e della fede è la più grande e la prima carità che possiamo compiere perché restituisce non solo speranza e serenità, ma consegna significato al vivere, una direzione certa e una forza interiore per affrontare con fiducia ogni situazione.
Chi di noi non ha mai dubitato e davanti alle questioni di fede non ha mai sperimentato la confusione e l’incertezza? Chi di noi non vive costantemente nel dover fare delle scelte e di non sapere bene cosa fare? O chi di noi qualche volta si è sentito anche fin troppo sicuro di sé per poi magari essere smentito? Penso a quanto sia grande il compito e la responsabilità dei genitori, dei nonni e degli educatori nel consigliare per far crescere bene i loro ragazzi e aiutarli ad avere capacità critica per saper scegliere e prendere le decisioni giuste. Penso a tutti noi cristiani che in nome della fraternità che ci lega abbiamo il compito di aiutarci a vicenda nel percorrere le strade della verità, della giustizia e della fede. Penso anche a chi, in nome della carità, vorrebbe dare un consiglio ma questo non è né richiesto né accolto con il rischio di abbandonare una vita al suo destino. Ogni mattina ci svegliamo con la necessità di affrontare il reale, separando ciò che faremo da ciò che non faremo; in ogni momento dobbiamo prendere delle decisioni e fare delle scelte, da quelle banali a quelle importanti; spesso ci dedichiamo esageratamente a scelte secondarie e ci distraiamo da quelle vitali. Abbiamo tutti bisogno di consigliarci a vicenda nel discernere ciò che è giusto ed è bene fare. Se andiamo con ordine, dobbiamo riconoscere il valore positivo del dubbio, perché esso ci dà la possibilità di interrogarci e quindi di metterci in ricerca: chi non ha dubbi e non si pone domande non si incammina mai verso Dio, e chi nella vita è troppo sicuro di sé vive una sorta di autoreferenzialità narcisista e di chiusura egoistica nei confronti degli altri. Il dubbio ha una sua validità e un suo spazio e merita in qualche modo di essere sostenuto perché ci stimoli a cogliere la verità e ad agire per il bene, abilitandoci alla scelta giusta. In estrema sintesi, il grande pensatore Pascal ci offre un interessante equilibrio da costruire: “Bisogna saper dubitare quando è necessario, affermare quando è necessario e sottomettersi quando è necessario”.  Il vero compito è sapere quando è “necessario”; per questo il consigliare richiede l’esercizio e l’arte del “discernimento”. Ma il consigliare il dubbioso affinché insieme si provi ad illuminare la mente, la verità prenda corpo e la volontà diventi capace di scegliere, non può assolutamente prescindere da un senso profondo di umiltà. Inoltre, l’esercizio di quest’opera di misericordia avviene solo sotto l’azione dello Spirito, che è l’unico che conosce l’animo dell’uomo e lo può dirigere secondo Dio. Come consigliare e come essere buoni consiglieri? Prima di tutto non dobbiamo dimenticare di fare questo lavoro di discernimento su noi stessi prima ancora di avere la pretesa di consigliare altri. Ma cosa vuol dire consigliare? Il termine latino significa “sedersi accanto a qualcuno”, “stargli accanto. Il dubbioso è spossato dall’ambiguità del reale e non riesce a distinguere fra ciò che è vero bene e ciò che è falso bene.
Occorre far leva non sui dubbi ma sulle certezze, non appoggiarsi su ciò che è ambiguo ma su ciò che è nitido e sicuro. E’ quanto mai necessario ricevere e dare fiducia. Se a noi stessi dicono e lo diciamo a nostra volta: “Dai, vedrai che ce la fai”, il risultato è la fiducia nel potercela fare, la riflessione sulle proprie qualità, e così emerge il meglio di sé. Per consigliare un dubbioso occorrono delicatezza, pazienza, tempo e amorevole ascolto. Bisogna farsi carico dell’altro, diventare solidale con lui, e – per paradossale che possa sembrare – dubitare e ricercare con lui. Non con l’arroganza di chi ha già raggiunto la verità, ma con la passione e il desiderio di ricercarla insieme, pur sapendo di aver ricevuto già in dono la certezza della fede. E poiché “la fede viene dall’ascolto” (Rm 10,17) è necessario che chi è chiamato a dare consiglio sappia far tesoro del silenzio e dell’ascolto dello Spirito e della Parola di Dio che è “luce ai nostri passi” (Sal 118). Non a caso tra i sette doni dello Spirito Santo c’è proprio il dono del consiglio, la capacità di scegliere secondo la sua luce, secondo il bene che Dio vuole per me. Per consigliare un dubbioso bisogna quindi primariamente ripartire dalla certezza dell’amore di Dio. Solo così le nostre parole entrano nell’intimo della mente e del cuore e chi le riceve si sente amato prima ancora che giudicato. Ancora una volta il consigliare è strettamente collegato alla capacità del discernimento spirituale. Discernere significa analizzare una determinata situazione e ritenere ciò che è buono, valido, autentico, vero. E’ la capacità di saper individuare e scegliere il bene proprio e degli altri, realizzando la volontà di Dio.  Si tratta di saper leggere una direzione nel presente e agire coerentemente con i principi dell’essere discepolo del Signore. Vuol dire maturare la propria libertà ricercando le motivazioni profonde delle proprie scelte e suscitare precise prese di responsabilità.
Implica imparare a leggere, vedere, interpretare la realtà così come farebbe Dio con la sua sensibilità.
Bisogna capire ciò che lo Spirito dice in ordine all’esistenza di una singola persona o di una comunità nella loro vita concreta, per rispondere adeguatamente alla volontà di Dio. L’autentico discernimento che conduce al consiglio è un fatto “spirituale”, in quanto compiuto “secondo lo Spirito” e in forza dello Spirito. E il vero consigliere è l’uomo spirituale che, secondo san Paolo, “giudica tutto” (2Cor 2), è colui che ha l’unzione del Santo e ha la giusta conoscenza delle cose.

Infine, a ciascuno il compito di essere credibili e trasparenti tra il nostro dire (consigliare) e il nostro agire, se vogliamo veramente mettere in atto questa opera di misericordia spirituale.

OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALESOPPORTARE PAZIENTEMENTE LE PERSONE MOLESTE…OVVERO ACCOGLIERE E VALORIZZARE L’ALTRO
Terzo appuntamento bimestrale proposto dalla Caritas Cittadina a vivere le Opere di Misericordia Spirituale. Ricordiamo che ci viene suggerito di dare continuità all’anno Giubilare della misericordia non solo con le Opere di Misericordia Corporale, che sono state al centro dello scorso anno, ma anche meditando su quelle spirituali che ci aiutano a migliorare il nostro rapporto con gli altri, disponibili ad andare in profondità, radicando il nostro agire caritativo in una sorta di esercizio amoroso ed autentico delle relazioni umane. Anche l’esercizio del “sopportare pazientemente le persone moleste” – anche in questo caso con una espressione un po’ antica e non del tutto gradevole per la nostra sensibilità moderna – non è di facile attuazione, soprattutto in una società e cultura fortemente caratterizzata dall’individualismo soggettivo per cui l’altro è un concorrente, non deve intralciarci o addirittura da non considerare affatto pur di affermare se stessi. Inoltre, tra gli atti di misericordia spirituale questo, forse, è tra i più difficili perché è l’unica opera delle sette spirituali che ha un avverbio – pazientemente – che indica durata, continuità, perseveranza. Si sa che tener duro per un certo tempo, ci si può riuscire. Ma non vogliamo essere ingenui: sopportare senza smettere la molestia, il fastidio, il disturbo, l’interruzione, l’esasperazione, è davvero difficile e nemmeno accettabile, soprattutto quanto ricorrono situazioni al limite della legalità e del disprezzo della dignità della persona come nei casi di “stalking” o di “mobbing” in particolare negli ambienti di lavoro. Senza tuttavia entrare in queste questioni estreme, dobbiamo però riconoscere la sorprendente normalità che a tutti noi anche le persone più familiari e vicine ci risultino a volte moleste. Mai come oggi la presenza dell’altro ci inquieta, ci rende sospettosi, ci urta. Può succedere che non sia l’altro a essere un molesto per me, bensì l’ospite inquietante dentro di me che me lo fa sentire tale. Bisogna almeno essere consapevoli di questo scenario esterno e interno a noi. Noi però vogliamo affrontare l’argomento in termini positivi e quindi riflettere e raccogliere qualche suggerimento per vivere l’esercizio di quest’opera di misericordia spirituale. Anzitutto la parola sopportare viene da sub-portare (supportare), sostenere, incoraggiare, quasi portare sulla mano. Si tratta quindi di andare incontro alla persona e di mettersi nell’atteggiamento dell’accoglienza, dell’ascolto, dello stare dalla sua parte, della stima e quindi del sostegno. E’ ovvio che questo va fatto reciprocamente. Il cristiano è chiamato, come imitatore di Dio, a portare anch’egli sopra di sé il peso dei fratelli; “vi esorto a sopportarvi a vicenda nell’amore, avendo a cuore di conservare l’unità per mezzo del vincolo della pace” (Ef 4,1-3), “sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro” (Col 3,13). “Su-pportazione” e perdono sono qui principi della vita comunitaria cristiana. L’altra parola che accompagna quest’opera è “pazienza” alla cui radice c’è il patire, la capacità di saper soffrire. Il Nuovo Testamento usa un altro termine più complesso: “magnanimità” che vuol dire grandezza d’animo che vuol dire capacità di mansuetudine, calma, pazienza, tolleranza, generosità, nobiltà. Dunque nella relazione con l’altro la sopportazione paziente o magnanima è la capacità di dare all’altro il tempo, lo spazio, la possibilità, la stima che egli merita comunque. La grandezza d’animo arriva fino al punto di dare al prossimo la possibilità di pentirsi, di ravvedersi, di tornare in se stesso, a ritrovare il meglio di se stesso, magari proprio attraverso la nostra paziente accoglienza. La radice di tutto questo e la premessa necessaria per sopportare pazientemente le persone moleste è il perdono, il perdono di Dio. Il bisogno quotidiano di perdono da parte di Dio e la sua magnanimità nel concederlo stabiliscono un nuovo rapporto con i fratelli. Siamo pazienti verso il prossimo quando abbiamo ben presente tutto quello che Dio ci perdona, tutta la pazienza che Dio esercita ne nostri riguardi ancor prima che negli altri. Il punto di partenza è proprio la consapevolezza che io per primo sono “compreso”, “accettato” così come sono e perdonato da Dio. Questa consapevolezza mi porta da usare lo stesso stile, la stessa misura con gli altri. In famiglia con i colleghi di lavoro o di studio, nelle relazioni con gli amici, nei rapporti all’interno dei gruppi o della comunità solo questa capacità di valorizzazione dell’altro così com’è, ma desiderosi di renderlo migliore, potrà essere condizione per creare rapporti belli e costruttivi. Questo stile non si deve confondere con la “tolleranza”; essa non è ancora un atteggiamento di amore. Non si tratta nemmeno di “buonismo”: bontà e verità è entrare in relazione, sporcarsi le mani, non restare impassibili. Lo stile del sopportare pazientemente non è nemmeno “servilismo”: deboli con i forti, e forti con i deboli. Vogliamo osare un ultimo suggerimento, anche se forse un po’ azzardato. Le persone che mi danno fastidio, quelle che telefonano nel momento sbagliato, quelle che mandano all’aria le situazioni, quelle che contraddicono, quelle che mettono il bastone fra le ruote, sono quelle che costringono a passare dalla mia ingiustizia al piano di Dio, al mettermi in verifica per fare non la mia, ma la giustizia di Dio. Deve sorgere in noi un santo dubbio: e se Dio si servisse di questa persona? E se Dio, per interrompere il piano della nostra vita, che è il nostro e non il suo, si servisse proprio delle persone che ci intralciano per farci smettere di andare al nostro ritmo e andare invece al suo? Si tratta si fare un’opera curiosa, trasformare le persone che sono moleste e basta, in emissari di Dio, in persone che Dio ci manda, che Lui permette che arrivino nella nostra vita, affinché noi abbiamo a convertirci. E abbiamo sempre bisogno di convertirci.

OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALE – INSEGNARE A CHI NON SA
“Insegnare a chi non sa” (educare ai valori umani e cristiani) significa trasmettere l’amore e la misericordia di Dio. Impegniamoci nelle relazioni superando la banalità e il pettegolezzo. Utilizziamo i social network con prudenza, non facciamo circolare la menzogna. Insegnare a chi non sa, implica l’opera di una Comunità Educante che diffonda la cultura cristiana non come proselitismo ma con lo stile di un dialogo sulla verità. Nella vita di ogni giorno, ciascuno partecipi e inviti altri a partecipare alla vita, alle iniziative ed ai percorsi formativi offerti dalla Parrocchia.

insegnare a chi non sa

OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALE – AMMONIRE I PECCATORI

ammonire i peccatori

La Caritas Bollatese propone un percorso di pratica delle Opere di Misericordia Spirituale, dopo aver sperimentato lo scorso anno quello dedicato alle Opere di Misericordia Corporale. Il primo input educativo legato all’opera di Misericordia Spirituale è “Ammonire i Peccatori (correggersi fraternamente)”. Ciascuno è invitato, facendo proprie le opere di misericordia, a rendere il proprio cuore aperto a fare del bene al prossimo ed in particolare al prossimo più bisognoso. Contestualmente al percorso sulle Opere di Misericordia Spirituale, la Caritas Cittadina rilancia il Fondo Parrocchiale, che raccoglie fondi per aiutare famiglie e persone in condizioni di grave disagio economico.

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA – OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE (anno 2016)

VIVERE LE OPERE DI MISERICORDIA:

“DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI”

Ogni giorno, nel mondo, ancora troppe persone non hanno il “pane quotidiano” o addirittura muoiono di fame! La fame è sorella della povertà e la povertà figlia dell’ingiustizia. Nella famiglia umana c’è chi ha troppo e chi non ha nulla, o manca comunque del necessario. La permanenza della fame nel mondo dice che non è sufficiente un gesto occasionale di aiuto. Esso deve trasformarsi in costume di vita e portarci a verificare lo stile dei nostri consumi evitando gli sprechi e anche tutto ciò che è superfluo. Praticare la solidarietà, la condivisione e la comunione con gli altri ci aiuterà a capire meglio che cos’è la misericordia e a viverla. La misericordia di Gesù, infatti, alla quale facciamo riferimento nella fede, è condivisione della vita dell’uomo, anche in ogni necessità materiale. Se non possiamo replicare il miracolo della moltiplicazione dei pani, possiamo seguire l’invito di Gesù agli Apostoli: “date voi da mangiare a loro”, sostenendo i gruppi di volontariato che operano all’interno del Centro di Ascolto Caritas e che settimanalmente aiutano le persone che non hanno il necessario per nutrirsi. Ecco perché in questa fase del progetto “fa’ volare la speranza” la Caritas ci invita a vivere quest’opera di misericordia attraverso la donazione di alimenti (appositi contenitori saranno collocati presso gli altari nelle varie chiese) o di offerte destinate all’acquisto di buoni spesa e buoni pasto. Per chi volesse donare alimenti, si segnala la necessità di caffè, olio, pasta, pelati, tonno.

“DAR DA BERE AGLI ASSETATI”

Ogni giorno, nel mondo, ancora troppe persone non hanno il “pane quotidiano” o addirittura muoiono di fame! La fame è sorella della povertà e la povertà figlia dell’ingiustizia. Nella famiglia umana c’è chi ha troppo e chi non ha nulla, o manca comunque del necessario. La permanenza della fame nel mondo dice che non è sufficiente un gesto occasionale di aiuto. Esso deve trasformarsi in costume di vita e portarci a verificare lo stile dei nostri consumi evitando gli sprechi e anche tutto ciò che è superfluo. Praticare la solidarietà, la condivisione e la comunione con gli altri ci aiuterà a capire meglio che cos’è la misericordia e a viverla. La misericordia di Gesù, infatti, alla quale facciamo riferimento nella fede, è condivisione della vita dell’uomo, anche in ogni necessità materiale. Se non possiamo replicare il miracolo della moltiplicazione dei pani, possiamo seguire l’invito di Gesù agli Apostoli: “date voi da mangiare a loro”, sostenendo i gruppi di volontariato che operano all’interno del Centro di Ascolto Caritas e che settimanalmente aiutano le persone che non hanno il necessario per nutrirsi. Ecco perché in questa fase del progetto “fa’ volare la speranza” la Caritas ci invita a vivere quest’opera di misericordia attraverso la donazione di alimenti (appositi contenitori saranno collocati presso gli altari nelle varie chiese) o di offerte destinate all’acquisto di buoni spesa e buoni pasto. Per chi volesse donare alimenti, si segnala la necessità di caffè, olio, pasta, pelati, tonno.L’acqua è un bene che a noi sembra scontato ed è probabile che molti abitanti del nosto emisfero terrestre non sappiano che ogni minuto nel modo muoiono quattro bambini per mancanza di acqua e che più di un miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile. La realtà è che l’acqua sta diventando un bene prezioso tanto che si è creato un business attorno al quale muovono grossi interessi economici ed è possibile che, in futuro, divenga causa di conflitti armati. Allora, oggi, cosa significa questa opera di misericordia? Dal punto di vista culturale, occorre recepire la dimensione sociale e politica mondiale della crisi idrica e attivare in noi la consapevolezza che nessuno può restare escluso dalla risorse naturali della terra che, per principio, sono di tutti… “Del Signore è la terra e quanto contiene” (Salmo 24,1). NEL CONCRETO, ciascuno di noi si impegni ad usare l’acqua senza sprecarla, attraverso comportamenti responsabili e virtuosi e, in questo secondo periodo di realizzazione del progetto “FA VOLARE LA SPERANZA”,contribuisca con offerte al fabbisogno di LATTE (ANCHE PER NEONATI) del nostro Centro di Ascolto. che vede impegnate alcune associazioni nello scavo di pozzi per incrementare l’accesso all’acqua potabile di alcune popolazioni rurali dell’africa Centrale, migliorando così le loro condizioni di vita e salute.

“VISITARE GLI INFERMI”

Tra le sette opere di misericordia corporale, “visitare gli infermi” assume un rilievo tutto particolare. Il momento di farsi prossimo a chi soffre rappresenta un modo profondo ed emblematico di avvicinarsi, con espressione di Papa Francesco, alla carne viva e dolente di Gesù. Chi non ha occasione di vivere questa esperienza direttamente ha la possibilità di collaborare con l’UNITALSI e “PeRMANo”, due gruppi di volontariato che svolgono la loro opera a favore di malati e anziani, contribuendo con le offerte.

“VISITARE I CARCERATI”
Per i mesi di ottobre e novembre, tutta la Comunità è invitata a vivere il quinto input educativo delle opere di misericordia: “Visitare i carcerati”. Un’ opera che sembra difficile da realizzare nel concreto. Ma il Vangelo non fa sconti: “Ero carcerato e siete venuti a trovarmi” dice il cap. 25, v. 36 del Vangelo di Matteo, riferendosi al giudizio finale che toccherà ad ogni uomo. Gesù dice: il progetto di Dio sul mondo e su ogni uomo è la gioia di ritrovare chiunque sia perso, senza distinzioni. Nel concreto, attraverso i volontari che operano in carcere, possiamo aiutare i detenuti che spesso mancano del necessario: indumenti e biancheria personale e altro. In questo quinto periodo di realizzazione del progetto “FA’ VOLARE LA SPERANZA”, la Caritas ci invita alla donazione di offerte destinate all’acquisto di quanto necessario a favorire, nell’ordinario quotidiano, la vita di chi è detenuto.

“ALLOGGIARE I PELLEGRINI”

“Alloggiare i pellegrini” è opera di misericordia perché considera l’ospitalità come apertura (di porte materiali, di cuore, di mentalità), come accoglienza dell’altro, come condivisione. Caritas, all’interno del progetto “Fa’ volare la speranza”, invita a donare offerte per la sistemazione di alloggi della parrocchia da destinare a situazioni di emergenza abitativa. “Ero forestiero e mi avete ospitato”: Matteo, 25,35

_____________

slide2-1170x457

  • Progetto FA’ VOLARE LA SPERANZA: lo scopo è quello di coinvolgere la comunità per tutto il prossimo anno e quindi “Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro” .

________________________________________________________

PERCHE’ UNA CARITAS DELLA CITTA’
– perché si crede nel valore della pastorale d’insieme come concreta attuazione della carità
– perché si ha bisogno di fantasia organizzativa e si pensa che insieme sia più facile strutturare il servizio della carità e trovare nuove idee per la pastorale
– perché si ritiene più razionale, in considerazione delle limitate risorse umane a disposizione, un’organizzazione in cui centralizzare la programmazione ma non il servizio della carità che deve comunque rimanere il più capillare possibile
– perché si pensa che con questa organizzazione sia più facile entrare in rapporto con enti, gruppi, associazioni presenti sul territorio per attivare collaborazioni e interventi sui bisogni
– perché si ritiene che sia il modo migliore per stare al passo con i cambiamenti, alcuni già in atto, che porteranno la nostra Chiesa di Bollate a organizzarsi in futuro come unica comunità pastorale.

FUNZIONI
– sensibilizzare e educare gli operatori e la comunità alla pratica della carità, proponendo iniziative e individuando percorsi formativi in sintonia con i parroci e i Consigli Pastorali;
– coordinare i vari gruppi caritativi favorendo la circolazione delle notizie per evitare sovrapposizioni nelle numerose iniziative e fare in modo che la comunità le percepisca come parte integrante di un unico progetto;
– leggere il territorio individuando problematiche e bisogni legati agli ambiti caritativo e sociale;
– stimolare e favorire la pastorale d’insieme;
– favorire il collegamento con i servizi sociali del territorio;
– ricercare e mantenere un rapporto con enti, gruppi, associazioni presenti sul territorio per attivare collaborazioni e interventi sui bisogni
– mantenere le relazioni con le Caritas di Baranzate per studiare iniziative a livello intercittadino.

ATTIVITÀ’ OPERATIVA
Per sviluppare e concretizzare la sua attività sul territorio la Caritas si avvarrà delle competenze specifiche e dell’impegno operativo di altre realtà presenti in parrocchia (CdA, commissioni catechetica e liturgica)

AMBITI E TEMPI OPERATIVI
per tutto l’anno, in particolare:
– “Tempi Forti” (Avvento e Quaresima)
– Giornata Diocesana Caritas
– Gennaio, mese della pace
– Quattro giornate (Festa della famiglia, Giornata per la vita, Giornata mondiale del malato, Giornata diocesana della solidarietà)
– Raccolta Diocesana indumenti usati
– Pentecoste
– Ricorrenze e iniziative particolari legate ai vari gruppi.

PIANTA ORGANICA DELLA CARITAS CITTADINA
– responsabile: il Prevosto don Maurizio Pessina (anche rappresentato da un sacerdote o diacono)
– referente laico: Giuseppe Dusi
– un rappresentante per ogni gruppo caritativo delle parrocchie:
S. Martino
Centro Aiuto alla Vita: Pinuccia De Maddalena
Conferenza di S. Vincenzo: Luisella Fumagalli
Gruppo Missionario: Cristina Cavagna
“permano”: Serena Ronzani
UNITALSI: Emilia Roverselli
S.Monica
ASSOPROMI: Ornella Landriani
OFTAL: Cleopatra Mascetti
Santi Antonio e Bernardo
Conferenza di S. Vincenzo: Luisa Prisco
– un referente parrocchiale:
S. Martino: Serena Ronzani
S. Monica: Cleopatra Mascetti
S. Antonio: Patrizia Campoleoni
S. Bernardo: Luisa Prisco
– un rappresentante del CdA: Suor Andreina
– un rappresentante della Caritas Decanale: diacono Renato Cavaliere
– un rappresentante del “CPS”: Elio Schieppati
– un rappresentante dei volontari-carcere: Mariuccia Veronelli
– un rappresentante dei volontari-case di riposo: Gaetana Milici
– un rappresentante delle ACLI: Mario Poma
– un rappresentante del Consultorio Decanale: Serena Ronzani
– un rappresentante del “Forum” del volontariato: Sergio Annoni
– una segretaria: Anna Maria Minora

REALTA’ E GRUPPI CARITATIVI

S. Martino

Centro di Ascolto Cittadino – vedi menu generale

 

 

 

Centro Aiuto alla Vita (n. 15/20 volontari)

Obiettivi – aiuto alle donne e alle famiglie in difficoltà durante la gravidanza e il puerperio

Attività – sostegno economico attraverso buoni spesa e la distribuzione di materiale per la maternità e l’infanzia (alimenti, pannolini, ecc.)

– progetti Gemma (sostegno, attraverso l’adozione, di una mamma in gravidanza che si trova in difficoltà)

Conferenza di S. Vincenzo (n. 14 volontari)

Obiettivi – aiuto alle persone e alle famiglie che si trovano in situazioni di difficoltà

Attività – ascolto e distribuzione settimanale di pacchi alimentari, sostegno economico attraverso buoni spesa, pagamento di bollette, spese scolastiche e sanitarie, ecc.

“permano” (n. 20 volontari)

Obiettivi – aiuto alle persone anziane sole che si trovano in situazioni di difficoltà

Attività – sostegno morale attraverso visite a domicilio, sostegno pratico attraverso l’organizzazione della spesa a domicilio in collaborazione con Coop Lombardia, informazioni attraverso lo sportello “informanziani”

UNITALSI (n. 23 volontari soci e 15 volontari simpatizzanti )

Obiettivi – assistenza agli ammalati

Attività – sostegno agli ammalati nel corso dei pellegrinaggi a Lourdes e Loreto e presso le loro abitazioni; fornitura di presidi sanitari a completamento di quanto viene erogato dalle ASL; aiuto ai disabili durante le vacanze estive nella struttura di Borghetto Santo Spirito

C.P.S. – Coordinamento Promozione Solidarietà (n. 30 volontari) (associazione non parrocchiale)

Obiettivi – aiuto alle persone sole o in disagio sociale con particolare riguardo agli anziani

Attività – servizio di trasporto presso strutture ospedaliere, servizio fiscale, sportello lavoro, promozione del volontariato come associazione capofila del “progetto scuola” proposto dal FORUM del volontariato

S. Monica

ASSOPROMI (n. 15/20 volontari) (associazione non parrocchiale)

Obiettivi – sostegno orientato essenzialmente all’assistenza sociale, sanitaria e all’istruzione a favore di soggetti svantaggiati, principalmente in Paesi del Terzo Mondo ma anche in Italia, attraverso progetti mirati

Attività – raccolta fondi attraverso libere donazioni di benefattori e organizzazione di vendite solidali, bomboniere o artigianato dei volontari o dei Paesi che aiutiamo, manifestazioni varie

OFTAL (n. 2 volontari) (associazione non parrocchiale)

Obiettivi – assistenza agli ammalati

Attività – sostegno spirituale e morale degli ammalati, specialmente poveri, in modo particolare mediante pellegrinaggi a Lourdes e ad altri Santuari (la copertura delle spese viene garantita attraverso raccolte di offerte: classica la vendita di uova pasquali).